Info, statistiche e referenze

Categoria: Servizi alla persona (Pagina 2 di 2)

La pandemia pesa sull’industria italiana della cosmetica. Ma non per tutti i prodotti

Uno dei settori più penalizzati dall’emergenza sanitaria è quello della cosmetica. L’effetto della pandemia sull’industria della cosmetica nel 2020 ha fatto registrare complessivamente un crollo di fatturato ed esportazioni. Nonostante il crollo sia avvenuto in modo meno critico di quanto inizialmente ipotizzato, il fatturato globale del settore ha toccato 10 miliardi e mezzo, quasi il 13% in meno rispetto al 2019. Per quanto riguarda i valori del mercato interno, sono scesi di circa il 10% rispetto all’anno precedente, mentre le esportazioni hanno segnato un -16,7%. Si tratta di alcuni risultai emersi dall’indagine dal titolo I numeri della cosmetica, elaborata da Cosmetica Italia, l’associazione nazionale delle imprese cosmetiche.

Il settore non è paralizzato ed è boom per l’e-commerce

Nonostante i dati negativi, il settore però non è paralizzato. Se da una parte sono calati i segmenti profumeria alcolica e make-up, sono invece aumentati i consumi di prodotti per l’igiene personale. E come per altri settori, anche per la cosmetica è stato un vero proprio boom per l’e-commerce. Se il settore ha retto meglio di altri in parte si deve infatti alle vendite online. Mentre tutti i canali distributivi tradizionali hanno subito contrazioni l’e-commerce ha registrato un +42% rispetto al 2019.

In controtendenza i prodotti per igiene e cura dei capelli

Quanto ai consumi nel dettaglio, in controtendenza con l’andamento negativo ci sono le famiglie di prodotto che stanno caratterizzando l’attraversamento della crisi Covid-19, ovvero, quelli legati all’igiene del corpo, che hanno aumentato le vendite del +6,3%), oltre a quelli per la cura dei capelli (+3,9%) e i prodotti per l’igiene orale (+1,4%). Gli andamenti più significativi in termini di crescita emergono tra i saponi liquidi (+35%), i coloranti e le spume coloranti per i capelli (+30,4%), e i prodotti depilatori (+5,3%). I cali maggiori invece, riporta Ansa, si sono registrati nella profumeria alcolica (-21,5%) e nelle diverse tipologie di make-up.

La mascherina fa crollare fard e rossetti

L’obbligo di indossare la mascherina ha poi buttato giù i consumi di correttori per le guance, i fard e le terre, che hanno registrato un calo del -28,7%, mentre i fondotinta e le creme colorate sono scese del -29%), e i rossetti e i lucidalabbra, sono calati del -35,8%.

“Sul 2021 c’è ancora incertezza dovuta alla pandemia – evidenzia Gian Andrea Positano, responsabile Centro Studi di Cosmetica Italia -. In uno scenario ottimistico, si ipotizza una crescita di quasi nove punti percentuali, mentre lo scenario più pessimistico evidenzia una crescita di poco superiore ai cinque punti percentuali”.   

Ingresso di casa: come arredarlo al meglio

Arredare e valorizzare l’ingresso di casa è una cosa che spesso viene messa in secondo piano, sia per le dimensioni solitamente esigue sia perché è una zona di casa in cui non passiamo praticamente mai del tempo. Eppure, in questa maniera non stiamo tenendo conto del fatto che l’ingresso è la prima area di casa nostra nella quale passano le persone che vengono a farci visita e dunque la prima cosa che adoperano per farsi un’idea del nostro appartamento.

Se vogliamo fare in modo che la prima impressione sia buona, dobbiamo fare in modo che l’ingresso di casa sia perfettamente in linea con lo stile di tutti gli altri ambienti. A questo proposito di seguito trovi alcuni consigli che ti saranno utili al riguardo.

I consigli per arredare al meglio l’ingresso di casa

Prima di scegliere un mobile o un’altro da posizionare all’ingresso di casa, devi tener conto di quelle che sono le sue dimensioni per ragionare su quello che potrà essere il suo impatto una volta posizionato. Tieni conto al tempo stesso della sua forma e di come questo sarà illuminato. Tieni conto di questi elementi e sarai partito già col piede giusto.

Per ottenere quell’aspetto dal design moderno ed elegante che desideri esistono diversi pezzi che possono aiutarti in questo. Puoi combinare tra loro diversi elementi decorativi quali vasi, appendiabiti, arredo luxury, fotografie, dipinti, sculture, tappeti, etc.

Una madia in legno potrebbe fare al caso tuo

Se quello che ti serve è ottenere anche dello spazio di archiviazione, una credenza moderna per ingresso può essere una buona scelta: ci sono diversi modelli a seconda dello spazio che hai a disposizione, nonché del risultato che vuoi ottenere. Ad esempio, esistono bellissime madie in legno perfette allo scopo, che puoi accompagnare con un quadro o scultura per dare quel tocco di modernità che cerchi per il tuo ingresso di design.

Crescono a 46,5 milioni i consumatori multicanale, +6% rispetto al 2019

Gli italiani usano Internet sempre di più per comprare e trovare informazioni su prodotti e servizi: nell’ultimo anno 30 milioni di utenti hanno effettuato almeno un acquisto online. Cresce quindi la diffusione di percorsi di acquisto ibridi basati sull’alternanza di strumenti online e offline, e più di un italiano su quattro (28%) è un consumatore multicanale evoluto, che passa con disinvoltura dai canali offline a quelli online, e usa Internet in tutte le fasi del processo d’acquisto. Di fatto, secondo la ricerca dell’Osservatorio Multicanalità, promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Nielsen, nel 2020 sono 46,5 milioni i consumatori multicanale italiani, 2,6 milioni in più rispetto all’anno precedente.

Dai Digital Rooted ai Digital Unplugged 

I più “evoluti” fra i consumatori multicanale sono i Digital Rooted (l’11% del totale), più sensibili ai consigli degli influencer e sopra la media per dotazione tecnologica e familiarità con lo shopping online. A questi seguono i Digital Engaged (17%), che utilizzano la rete, ma mantengono un legame con il punto vendita, e i Digital Bouncers (22%) per i quali il digitale è importante nelle fasi pre e post acquisto, ma preferiscono comprare ancora in negozio. Gli utenti meno digitali, ma più numerosi, sono i Digital Rookies (38%), che usano il digitale con un po’ di diffidenza. Oltre un consumatore su dieci però è un Digital Unplugged (12%), legato ancora esclusivamente allo shopping nel punto vendita.

Il settore con gli utenti più digitali è quello dei viaggi

Il comportamento multicanale dei consumatori cambia anche a seconda della categoria merceologica. Il settore con gli utenti più digitali è quello dei viaggi, nel quale il 75% si informa prevalentemente online prima di acquistare, e il 65% compra solo online o alternando la modalità offline a quella in rete. Ai viaggi seguono l’elettronica e l’informatica (rispettivamente 69% e 58%) e le assicurazioni (44% e 35%). Nei settori largo consumo, farmaci/integratori, beauty e abbigliamento, invece, il ruolo del punto vendita resta centrale sia nella fase di ricerca delle informazioni sia di acquisto.

Offrire un’esperienza omnicanale integrata   “Stiamo assistendo a un progressivo esaurirsi della dicotomia tra l’acquisto fisico e quello digitale. Le barriere all’omnicanalità si stavano assottigliando da tempo, e l’emergenza Covid ha accelerato questo processo di ibridazione – commenta Stefano Cini, Consumer Intelligence Leader di Nielsen Connect -. È interessante notare come ciascun individuo sia caratterizzato da un approccio multicanale eterogeneo a seconda della categoria merceologica. La diffusione di pratiche digitali end-to-end nei settori viaggi o elettrodomestici, ad esempio, potrebbe di fatto generare un effetto contaminante (spill-over) sulle aspettative e le abitudini di acquisto delle stessa persona in altre categorie a minor intensità digitale”. In questo contesto la principale sfida per le imprese è perciò quella di veicolare strategie e iniziative per semplificare il processo d’acquisto e offrire un’esperienza omnicanale integrata

Italia unita nell’emergenza tra preoccupazione e senso civico

Gli italiani sono costretti a casa, affaccendati tra lezioni scolastiche a distanza, fitness online, pulizie di primavera e manicaretti, ma si ritrovano uniti sul web, in chat e nei flashmob al balcone, quando non sono impegnati a consultare siti d’informazione e portali del Governo. Una ricerca condotta da Nielsen Global Connect sull’impatto dell’emergenza Covid-19 fa il punto sul sentiment degli italiani, e scopre che sì, siamo preoccupati, ma anche disposti a fare sacrifici. Con l’88% degli italiani che ipotizza un orizzonte temporale superiore ai 2 mesi per il rientro alla “normalità” su scala globale.

Il 58% ritiene corretti i provvedimenti governativi

Secondo la survey le misure restrittive del Dpcm dell’8 marzo trovano un atteggiamento di adesione ai provvedimenti adottati, e se il 58% della popolazione ritiene i provvedimenti governativi corretti solo il 5% li ritiene esagerati. Il 73% giudica inoltre blandi quelli finora intrapresi dagli altri Paesi, riporta Ansa. La quasi totalità degli italiani (98%) si informa almeno una volta al giorno sulla situazione sanitaria, un dato in linea con quanto rilevato nelle ultime tre settimane, mentre cresce chi si informa attivamente più di una volta al giorno (+18% rispetto alla settimana precedente). Al contempo, se appena due settimane fa solo il 17% si dichiarava preoccupato e una settimana fa lo era il 25%, adesso lo è il 58%.

Il Sud e la Campania le aree con il maggior numero di preoccupati

Le apprensioni crescono soprattutto al Nord Ovest (57%, +37%) ora in linea con la media nazionale, mentre il Sud (64%), e in particolare, la Campania (66%), si confermano le aree con maggior numero di italiani preoccupati.

Per quanto riguarda le fonti informative, i notiziari/programmi TV restano il principale veicolo di informazione sul Coronavirus (80%) e cresce la consultazione dei siti istituzionali (48%, +13% rispetto a due settimane fa), segno che gli italiani stanno dando fiducia alle Istituzioni.

“Dalle nostre rilevazioni emerge un popolo con senso civico e capacità di sacrificio, sia in termini di vita sociale sia in termini di adozione di precauzioni ulteriori quando si deve uscire per cause di forza maggiore”, dichiara Stefano Cini, Marketing Analytics Director di Nielsen Global Connect in Italia.

Le contromisure più adottate per evitare il contagio

La quarantena ufficiale determina in maniera significativa l’adozione di tutte le principali contromisure per evitare il contagio. Al primo posto delle misure resta sempre lavarsi le mani frequentemente (90%), ma gran parte degli italiani dimostra anche di aver recepito le misure di limitazione della socialità e chi deve spostarsi evita l’uso di mezzi pubblici (+31%). Continua a crescere anche l’adozione di misure di “protezione” di sé e degli altri, come l’utilizzo di disinfettanti (65%) e coprirsi la bocca con fazzoletti dopo tosse/starnuti (65%). Seppure in crescita, l’utilizzo di mascherine è ancora limitato a meno di 1 italiano su 4 (24%, +19%).

In Italia le vittime di stalkerware aumentano del 93%

I programmi noti come stalkerware offrono la possibilità di introdursi nella vita privata di una persona. A differenza delle applicazioni legittime di parental control, questi programmi vengono eseguiti in background senza che la vittima lo sappia o possa dare il consenso. Utilizzando questi programmi è quindi possibile accedere ai messaggi, alle fotografie, ai social media, alla geolocalizzazione e alle registrazioni audio o video della vittima, in alcuni casi in tempo reale. Nei primi otto mesi del 2019 il numero di utenti che, almeno una volta, è stato vittima di stalkerware ha superato il numero di 37 mila, di cui 1.031 solo in Italia. Secondo il report The State of Stalkerware in 2019 di Kaspersky rRispetto allo stesso periodo dell’anno precedente è stato registrato un aumento del 35% a livello globale e del 93% in Italia.

Italia al 6° posto tra i Paesi più colpiti 

Nei primi otto mesi del 2019 i dispositivi di 37.532 utenti unici sono stati oggetto di almeno un tentativo di intrusione con stalkerware. In Italia il numero degli utenti unici oggetto della stessa minaccia ammonta a 1.031, aggiudicandosi il 6° posto tra i Paesi più colpiti dopo Russia, India, Brasile, Stati Uniti e Germania. Anche se questi numeri risultano inferiori a quelli rilevati per altri tipi di malware (questi dati equivalgono solo al 9% degli utenti attaccati da minacce finanziarie rilevate nel primo semestre del 2019), a differenza della maggior parte delle minacce rivolte agli utenti, lo stalkerware è tipicamente utilizzato per colpire in modo specifico le vittime. E gli stalkerware spesso necessitano di essere installati manualmente sul telefono della vittima, riporta Adnkronos.

Nel 2019, 380 nuove ulteriori varianti

Inoltre, sul mercato sono stati rilevati ulteriori varianti di stalkerware. Se nei primi otto mesi del 2018 le tecnologie di rilevamento di Kaspersky hanno individuato 290 varianti potenzialmente pericolose nel 2019 questo numero è cresciuto di quasi un terzo, fino a raggiungere le 380 unità. Inoltre, è stato registrato un notevole incremento nel numero di eventi in cui i prodotti Kaspersky hanno rilevato questo tipo di software sui dispositivi degli utenti. Numero che nel 2019 è aumentato del 373%, raggiungendo quota 518.223.

Un ottimo strumento per molestare, monitorare e perseguitare

“Progettato per funzionare in modalità invisibile, senza alcuna notifica permanente sul dispositivo dell’utente, questo software offre ai malintenzionati e agli stalker un ottimo strumento per molestare, monitorare e perseguitare. Questo tipo di abuso può essere spaventoso e traumatizzante e comporta notevoli rischi per la sicurezza – dichiara Erica Olsen, Director of the Safety Net Project del National Network to End Domestic Violence -. È quindi fondamentale affrontare questo tema e accrescere la consapevolezza rispetto all’esistenza di queste app e al loro utilizzo come strumento di stalking”, .

Privilege Apartments | Comfort e soluzioni

Spostarsi per motivi di lavoro, non significa necessariamente dover rinunciare alla comodità del poter lavorare efficacemente anche quando si è fuori sede. Privilege Apartments è infatti un hotel a Monza che ha messo in primo piano anche le necessità di chi viaggia per motivi di lavoro e ha bisogno di potersi dedicare tranquillamente al proprio lavoro senza per questo dover subire degli svantaggi. All’interno delle camere infatti, è presente una apposita scrivania che consente di lavorare con il proprio portatile con la stessa comodità che si ha all’interno del proprio ufficio, ed usufruire del Wi-fi gratuito presente in ogni camera.

Il concetto di hotel in cui poter soggiornare e basta è dunque oggi superato, e questa importante struttura ricettiva di Vimercate, in provincia di Monza, ha deciso di offrire il massimo della praticità e del comfort anche a tutti coloro che viaggiano per motivi di lavoro ed hanno bisogno di una struttura in grado di offrire anche gli strumenti e le soluzioni adatte per poter lavorare tranquillamente. A queste, si affiancano tutte quelle soluzioni che rendono più piacevole la propria permanenza in struttura quale ad esempio la tv satellitare a schermo piatto, l’impianto di condizionamento dell’aria, l’angolo cottura con utensili da cucina, il balcone ed il patio presenti in ogni camera, tra l’altro.

Le tipologie di camera a disposizione sono due, la Classic e la Executive, che presentano le stesse comodità con la differenza che la seconda è più grande e può ospitare un maggior numero di persone. A prescindere dalla camera che si andrà a scegliere, il livello di comfort e benessere sarà elevato per tutti gli ospiti, i quali hanno a disposizione anche un parco da 10 mila metri quadrati che avvolge l’intera struttura e consente di rilassarsi immersi nel verde. Per prenotazioni o per richiedere una quotazione personalizzata è possibile utilizzare l’apposito form presente sul sito.

Articoli più recenti »